Home / LATEST NEWS / Euronews Living | Gli esperti chiedono un “totale abbandono” della moda veloce

Euronews Living | Gli esperti chiedono un “totale abbandono” della moda veloce

Nonostante un crescente appetito per l’abbigliamento sostenibile, un nuovo rapporto ha scoperto che stiamo ancora acquistando troppo per rallentare l’impatto ambientale della moda.

Produzione a basso costo, acquisti frequenti e articoli di breve durata sono tutti fattori che contribuiscono ai 92 milioni di tonnellate di rifiuti creati dall’industria ogni anno. Ma non sono solo i rifiuti a costituire una minaccia per il pianeta. Il modo in cui sono realizzati i nostri vestiti utilizza anche miliardi di tonnellate di acqua, molti prodotti chimici dannosi ed emette oltre 1,7 miliardi di tonnellate di CO2.

Un team di esperti ha pubblicato un articolo sul giornale online Recensioni sulla natura Terra e ambiente che guarda come questo impatto sta influenzando il nostro pianeta. Negli ultimi 20 anni, la quantità di abbigliamento prodotta dai marchi di moda era raddoppiata. Le tendenze in rapido movimento che si basano su prezzi bassi e novità costringono i consumatori ad acquistare più del necessario, creando una domanda artificiale per più capi di abbigliamento. Il documento spiega che questa enorme quantità di produzione non necessaria deve fermarsi a favore di un approccio alla moda più lento.

La maggior parte dell’inquinamento ambientale si verifica in paesi come il Bangladesh, la Cambogia e l’Indonesia, dove vengono fabbricati tessuti e abbigliamento. Mentre un sacco di abbigliamento viene prodotto nel Sud del mondo, le sedi centrali di molti marchi si trovano nell’UE o negli Stati Uniti. Questa disconnessione tra il luogo in cui un articolo viene progettato e il luogo in cui viene realizzato aumenta notevolmente le possibilità di errori, il che contribuisce anche al problema dei rifiuti.

I consumatori devono cambiare le proprie abitudini se si vogliono affrontare le preoccupazioni ambientali. Negli Stati Uniti, la persona media ora acquista un nuovo capo di abbigliamento ogni cinque giorni e mezzo e prove dal Regno Unito suggerisce di indossare i nostri vestiti per molto meno tempo prima di buttarli via rispetto al solito.

“In definitiva, la stabilità a lungo termine del settore della moda si basa sul totale abbandono del modello di fast-fashion, collegato a un calo della sovrapproduzione e del consumo eccessivo”, afferma il documento.

Cosa possiamo fare?

“Da parte dei consumatori, la cosa più importante è rallentare il consumo; acquistare di meno, usare più a lungo (prolungare la vita), prendersi cura dei propri capi, riciclare più raramente e investire in capi di migliore qualità e più classici ”, afferma Kirsi Niinimäki, professore associato di design all’università di Aalto, in Finlandia. Allo stesso modo, il coautore del rapporto suggerisce di provare a investire in materiali più sostenibili e riciclati e di cercare marchi che fabbricano abbigliamento a livello locale.

L’obiettivo finale è che le aziende passino a un modello di business più circolare, che ritorni a riutilizzare i materiali. Ciò otterrebbe il massimo valore dalle risorse utilizzate e fermerebbe la straordinaria quantità di rifiuti prodotti. Nel frattempo, “ci sono buoni esempi di servizi di riparazione, servizi su misura, servizi di noleggio / leasing, crowdsourcing per supportare la produzione locale”, spiega Niinimäki aggiungendo che le aziende devono essere creative con modi per gestire il danno ambientale.

.

About admin

Check Also

Dana White: UFC won’t go back on Jose Aldo-Peter Yan title fight, but Aljamain Sterling will follow

Dana White: UFC won’t go back on Jose Aldo-Peter Yan title fight, but Aljamain Sterling will follow

By Nolan King | June 7, 2020 3:25 am UFC president Dana White says Alajamain Sterling will get a bantamweight title shot – but he’ll have to wait for it. In 88 seconds, Sterling (19-3 MMA, 11-3 UFC) defeated fellow top contender Cory Sandhagen with a rear-naked choke Saturday night at UFC 250. The fight…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *